Dettagli dell’iniziativa

Dettagli dell’iniziativa

A2A e Fondazione Aem aderiscono all’Urban Art Renaissance di Milano e con la campagna “Energy Box” decorano 150 centraline semaforiche

Le performance saranno affidate ai più prestigiosi Urban artist internazionali

A2A e Fondazione Aem promuovono Energy Box (#energybox2015) nel quadro di Urban Art Renaissance, il grande progetto di arredo urbano in programma tra il 13 e il 23 settembre che, grazie alla personalissima reinterpretazione delle sette arti da parte di altrettanti performer, farà della città di Milano una galleria metropolitana a cielo aperto, la prima nel mondo/Europa. Il progetto di A2A e Fondazione Aem, ideato da Atomo Tinelli, dipendente di A2A e urban artist di fama, e che sarà patrocinato dal Comune di Milano, prevede che gli artisti eseguano le loro performance su alcune centraline semaforiche, tele virtuali individuate intorno all’area in cui saranno sviluppate le attività creative ed espressive di Urban Art Renaissance.

Gli Energy Box sono le centraline di controllo dei semafori. Il progetto di A2A e Fondazione Aem, ideato da Atomo Tinelli, dipendente di A2A e urban artist di fama, prevede che gli artisti eseguano le loro performance su alcune centraline semaforiche, tele virtuali individuate intorno all’area in cui saranno sviluppate le attività creative ed espressive di Urban Art Renaissance. Le centraline saranno decorate e colorate facendo di ciascun Energy Box un’opera d’arte 2.0, in dialogo e relazione permanente con le altre opere e installazioni realizzate e con i cittadini, che diventeranno fruitori quotidiani di queste manifestazioni di creatività al di fuori di ogni convenzione o limitazione spaziale. L’intero progetto artistico di Energy Box e le performance della sezione saranno curate e coordinate dallo storico e critico d’arte Flavio Caroli.

Le performance di #energybox2015 saranno realizzate tra il 10 e il 20 settembre. A ciascun artista selezionato saranno affidate tre centraline da decorare in tre date differenti. A campagna ultimata, saranno 150 gli Energy box trasformati in opere d’arte urbana. L’iniziativa culturale sarà comunicata direttamente ai cittadini attraverso cornici o segnalazioni allestite sulle stesse centraline e sarà viralizzata sul sito sui social network. Il 23 settembre le opere realizzate su canvas saranno esposte alla Fabbrica del Vapore (ex locale cisterne) con gli artisti che riprodurranno live le performance artistiche già prodotte sugli Energy Box.

Lascia un commento